RaspberryPi
Eseguire il backup di WordPress in 3 semplici passaggi

Eseguire il backup di WordPress in 3 semplici passaggi

È di fondamanteale importanza eseguire il backup del sito WordPress e del database associato ma, molto spesso questa operazione viene completamente trascurata. Ecco qui un semplice modo per eseguire il backup del sito e del database WordPress in 3 semplici passaggi e non è richiesto alcun plug-in aggiuntivo.

La maggior parte degli hosting fornisce servizi di backup e archiviazione ma, se il tuo sito è in casa e gestito in autonomia, dovrai configurare tu stesso un meccanismo di backup.

Se cerchi su Google “come eseguire il backup del sito WordPress”, sarai sopraffatto da vari articoli e cosiddetti tutorial che suggeriscono di utilizzare una sorta di plugin WordPress. La maggior parte dei plug-in sono lenti poiché sono in esecuzione su PHP anziché fare affidamento a livello dei servizi di sistema. La maggior parte di questi sono anche inutili, pesanti e s volte poco affidabili. Questo articolo spiega come creare una soluzione di backup con un semplice script bash e una configurazione in crontab.

1 – Creare il bash script

Innanzitutto, creiamo un semplice script bash nella directory / home / pi / che farà due cose:

  1. Compressione dell’intero sito utilizzando tar e salvataggio di una copia;
  2. Esecuzione di mysqldump del database di WordPress.

Sia il file tar.gz che database.sql verranno salvati con il timestamp aggiunto al nome del file.
Creiamo lo script bash usando il nostro editor preferito e chiamiamolo backupmysite.sh

sudo nano /home/pi/backupmysite.sh

all’interno del file riportiamo quanto segue:

#!/bin/bash
# Backup my website data
#START
  tar -czf /home/pi/wordpress-$(date +%Y%m%d).tar.gz /var/www/html/*
  mysqldump -u username -ppassword database_name > database_name_$(date +'%Y%m%d').sql
#END

Ovviamente andiamo a sostituire username e password con le vostre credenziali di accesso al database di WordPress e database_name con il nome del vostro database di WordPress.
il backup verrà salvato nel percorso /home/pi , modificatelo se preferite salvarlo altrove (ad esempio su un NAS..)

Salviamo il file con CTRL+X ed INVIO per confermare.
Ora dobbiamo rendere lo script eseguibile con il seguente comando:

sudo chmod +x /home/pi/backupmysite.sh

Adesso non ci rimane che testare il corretto funzionamento, ci basterà eseguire lo script e vedere che crei i file di backup.

Ora dobbiamo impostare una pianificazione, in modo tale che venga eseguito automaticamente il backup.

2 – Impostare una schedulazione in cron

Cron è una utility per la configurazione di attività pianificate su sistemi Unix.
Qui puoi impostare pianificazioni per eseguire comandi o script periodicamente ed a intervalli fissi.
Eseguiamo il comando seguente per modificare la tabella cron:

crontab-e

Se è la prima volta che esegui crontab, ti verrà chiesto di selezionare un editor di testo; Personalmente preferisco nano.

Una voce cron è composta da sei parti: minuto, ora, giorno del mese, mese dell’anno, giorno della settimana e il comando da eseguire.

# m h  dom mon dow   command
# * * * * *  command to execute
# ┬ ┬ ┬ ┬ ┬
# │ │ │ │ │
# │ │ │ │ │
# │ │ │ │ └───── day of week (0 - 7) (0 to 6 are Sunday to Saturday, Sunday is 0 or 7)
# │ │ │ └────────── month (1 - 12)
# │ │ └─────────────── day of month (1 - 31)
# │ └──────────────────── hour (0 - 23)
# └───────────────────────── min (0 - 59)

Sposta il cursore alla fine del file per inserire una voce cron come mostrato di seguito:

0 3 * * 0 /home/pi/backupmysite.sh

Questa voce cron eseguirà lo script /home/pi/backupmysite.sh ogni domenica alle 03:00. È possibile regolare la frequenza del backup in base alle proprie esigenze, ma una volta alla settimana è sufficiente per il mio sito. Salvare il file e chiudere l’editor con CTRL+X ed INVIO per confermare il salvataggio.

3 – Download del backup da un altro computer

Ora avrai una soluzione di backup funzionante che viene eseguita una volta alla settimana e salva i file nella directory /home/pi/. È possibile scaricare i file di backup regolarmente (settimanalmente, mensilmente se lo si desidera) sul computer locale utilizzando qualsiasi client SFTP o FTP.

Volendo si può saltare quest’ultimo passaggio se abbiamo impostato il salvataggio del file di backup su un percorso di rete.
Approfitto per rimandarvi ad un altro articolo dove spiego come mappare automaticamente una unità di rete su Raspberry Pi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: