Linux
Come abilitare l’accesso SSH al nostro Raspberry Pi

Come abilitare l’accesso SSH al nostro Raspberry Pi

Il Raspberry Pi non è da concempire come un semplice pc per progetti creativi DIY, bensì grazie all’aspetto di un mini computer, dalle sue buone prestazioni e al suo basso consumo di elettricità, viene anche utilizzato come server per diversi tipi di servizi (ad esempio server cloud, media server, DNS, OpenVPN, Homebridge… ).
Soprattutto per questo tipo di utilizzo, quando il monitor e la tastiera non è necessario che siano perennemente connessi(se non, per apportare delle modiche al codice o per consultare i log di qualche servizio), per non dover connettere monitor e tastiera quando devono apportare delle modifiche alle impostazioni del server, molti utenti si affidano all’accesso remoto tramite SSH (Secure Shell).

Nelle prime distribuzioni di Raspberry Pi OS (Raspibian) l’SSH era abilitato di default, ma dalla fine del 2016 in poi, l’SSH è disabilitato.

Per abilitare l’SSH sul nostro Raspberry Pi possiamo scegliere di attivarlo utilizzando uno dei seguenti metodi:

Abilitare l’SSH su Raspberry Pi in Headless Mode

Se stiamo utilizzando il nostro Raspberry Pi senza monitor e tastiera, allora non ci resta che abilitare l’ssh nella modalità chiamata “headless” il che consiste nel creare un file vuoto denominato ssh e di posizionarlo nella partizione di boot della memorycard del nostro Raspberry Pi.

Questo è tutto. Il nostro Raspberry Pi è ora accessibile via SSH.
Assicuriamoci che il dispositivo sia connesso alla rete prima di provare a stabilire una sessione SSH.

Abilitare l’SSH sul Raspberry Pi da GUI

Le cose diventano molto più facili quando si hanno a disposizione monitor, tastiera e mouse.
Se siamo abituati a configurare il nostro dispositivo usando l’interfaccia grafica (GUI), seguite i seguenti passaggi.
Una volta che il dispositivo si è avviato:

  • 1. Cliccare sul logo del Raspberry nell’angolo in alto a sinistra;
  • 2. Selezionare PreferenzeConfigurazione di Raspberry Pi
  • 3. Passate alla scheda Interfacce nella finestra di configurazione;
  • 4. Abilitare SSH nella seconda riga
  • 5. Cliccare su OK per salvare i cambiamenti.

Questo è tutto. Il nostro Raspberry Pi è ora accessibile via SSH. Assicuriamoci che il dispositivo sia connesso alla rete prima di provare a stabilire una sessione SSH.

Abilitare l’SSH su Raspberry Pi da Terminale

Se siete abituati a configurare il vostro sistema dal terminale, potete scegliere una delle due opzioni seguenti.

Abilitare l’SSH con raspi-config

Per abilitare SSH utilizzando il tool raspi-config:

  • 1. Aprite il terminale sul vostro Raspberry Pi ed eseguite il seguente comando:

sudo raspi-config

Verrà così caricato il tool con una schermata simil BIOS.

  • 2. Utilizzando le frecce della tastiera selezioniamo Interface Options.
  • 3. Dopo di che selezionare l’opzione P2 SSH nella lista
  • 4. Selezionare <Yes> alla richiesta “Would you like the SSH server to be enabled?
  • 5. Premere Invio sulla casella di conferma “The SSH server is enabled“.
  • 6. Navigate verso il basso e selezionate Finish per chiudere il raspi-config.

Anche per questo metodo è tutto. Il nostro Raspberry Pi è ora accessibile via SSH. Assicuriamoci che il dispositivo sia connesso alla rete prima di provare a stabilire una sessione SSH.

Abilitare l’SSH utilizzando systemctl

L’ultima opzione per abilitare il protocollo SSH sul nostro Raspberry Pi è quella di avviare il servizio systemctl dal terminale attraverso questi due semplici comandi da eseguire sul terminale:

sudo systemctl enable ssh

sudo systemctl start ssh

Il nostro Raspberry Pi è ora accessibile via SSH.
Assicuriamoci che il dispositivo sia connesso alla rete prima di provare a stabilire una sessione SSH. servizio ssh è ora abilitato e avviato.

Buon Divertimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: